archivio

Archivio mensile:giugno 2012

Ecco un riepilogo delle soluzioni trovate dagli hackers della maratona tecnologica. Per vedere la presentazione delle soluzioni, basta andare a questo link

http://www.slideshare.net/hackathonterremoto/hackathon-terremoto-presentazione-soluzioni

Gruppo 1 | Aiuto Cercasi | Beni di prima necessità, volontari –> App (web e mobile) che permette di gestire la domanda e l’offerta di aiuto, di semplice utilizzo mediante applicazione disponibile sul cellulare

Gruppo 2 | Casa sicura | Sicurezza, casa, alloggio –>  Nel processo di controllo agibilità degli edifici, questa applicazione supporta il cittadino nella richiesta di verifica dei danni alla propria abitazione.

Gruppo 3 | Fare campo | Comunicazione tra campi: vita nei campi –> Fare Campo è uno strumento per creare un network tra le persone temporaneamente residenti in campi di prima accoglienza e non solo. L’idea è quella di realizzare un insieme di applicazioni che siano in grado di distribuire contenuti su varie piattaforme, notificando agli utenti/abitanti eventi, arrivo di generi di prima necessità, bisogni collettivi e personali.

Gruppo 4 | PREcedario | Assistenza, informazione, pericolo –> PREcedario è un’app che facilita il passaggio di informazioni tra Istituzioni e cittadini prima, durante e dopo le emergenze, integrando in una guida semplice e sintetica le informazioni della Protezione Civile e quelle dei piani per le emergenze comunali.

Gruppo 5 | Alloggi | Cerco casa, ricostruzione –> Domanda e offerta di alloggio. Segnala con foto, posizione e descrizione la disponibilità di alloggi (case sfitte, posti letto, etc). Cerca l’alloggio più consono al tuo nucleo familiare e prenota la visita.

Gruppo 7 | Sto bene! | Sicurezza nell’emergenza, assistenza –> E’ un’app iPhone che permette durante i momenti di calamità, di condividere informazioni con i propri amici e cari per rassicurarli e conoscere la loro situazione. MetwitX è uno spin off di Metwit, startup italiana sul meteo crowdsensing

Gruppo 8 | Ricostruzione Partecipata | Trasparenza nella Ricostruzione –> InsiEmilia vuole essere un portale web che  permettere alla popolazione colpita dal sisma A) di partecipare al processo decisionale della ricostruzione B) di monitorare lo stato di avanzamento dei lavori. Inoltre fornisce gli Open Data grezzi sulla gestione dell’intera ricostruzione. Il processo presenta 4 fasi principali: 1) Definizione Problematiche: i cittadini possono condividere idee e influenzare le scelte; 2) Concorso di Idee: Le istituzioni indicono Concorsi di Idee per raccogliere proposte che rispondono agli obiettivi ed al budget impostati. 3) Valutazione e selezione finale: i progetti migliori sono scelti dagli stessi cittadini; 4) Realizzazione progetti: strumenti a supporto delle decisioni e cruscotti di analisi per il controllo dell’avanzamento dei lavori.

Annunci

Chiuse le 24 ore a disposizione degli hackers, la maratona tecnologica Hackathon Terremoto si sposta dallo Shape di via de’ Pepoli al palcoscenico dell’Arena del Sole, dove era in corso Next, il Festival dell’Innovazione organizzato in occasione de La Repubblica delle Idee. Riccardo Luna, giornalista e narratore ispirato di questa giornata all’insegna del progresso tecnologico, chiude l’appuntamento della domenica pomeriggio della 4 giorni di Repubblica facendo salire sul palco tutti i protagonisti di Hackathon Terremoto, portandoli ad esempio di innovazione messa al servizio della comunità.

E’ Clio Dosi la portavoce del gruppo di sviluppatori, designer e analisti che in questi due giorni scarsi hanno creato prototipi in grado di supportare le amministrazioni e gli enti di volontariato nella ricostruzione.

Una rapida carrellata di soluzioni, accompagnate dallo stupore del tanto pubblico presente in sala che ha da subito compreso il grande lavoro di questo gruppo di ragazzi, che a titolo completamente gratuito hanno scelto di dare il proprio contributo alla ricostruzione.

A parlare sul palco di Next anche Christian Quintilli di Action Aid, che ha sottolineato l’impegno e il grande lavoro di tutti i team di Hackathon Terremoto. Una iniziativa che vuole essere il primo passo verso un costante impegno in questa causa.

I ragazzi di Hackathon Terremoto sul palco di Next. (Foto Matteo Penzo – Twitter – http://goo.gl/Zd0Zw)

Verso le due di questa notte, allo Shape di Via de’ Pepoli, sono arrivati a trovare gli hackathoneti impegnati nello sviluppo dei loro progetti alcuni ospiti speciali: guidati da Riccardo Luna, giornalista e promotore di Protezione Civica, hanno raggiunto il gruppo di lavoro altri amici di Hackathon Terremoto, come Matteo Penzo, Paolo Iabichino e Marcello Merlo.

Uno scatto dell’incursione notturna di ieri sera allo Shape di via de’ Pepoli.
https://twitter.com/pentolaccia/status/214143802296893440

Tra questi anche Massimo Marchiori, informatico italiano che interverrà a Next oggi pomeriggio affrontando il tema “Cosa c’è dopo Google”.

Un’incursione notturna che ha dato ai ragazzi di Hackathon Terremoto la spinta giusta per continuare a lavorare sui propri progetti, in attesa di presentarli sul palco di Next, oggi pomeriggio alle ore 15 all’Arena del Sole di Bologna.